La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 10/2007

contatore

  • contatore

Paperblog

« ASTERISCO /UNA RADIO LIBERA PER COMPRENDERE LA MULTICULTURALITA' | Principale | RWANDA / GIUSTIZIA A PICCOLI GRANDI PASSI /SEMPRE PER NON DIMENTICARE »

31/07/08

Commenti

gobettiano

E' bellissimo lo stazzo. E davvero bella la dichiarazione d'amore per la Sardegna.
luigi

alex

Un très beau post sur le "stazzo" sarde. Je ne connaissais pas le mot dans ce sens. J'ai appris quelque chose aujourd'hui, merci.

Alex

marianna

Carissimo Luigi,quando sono venuta ad insegnare in Sardegna la prima destinazione fu, come già ti dissi una volta, La Maddalena, in un istituto nautico. Poi l'anno successivo ho insegnato a San Pantaleo, un piccolo centro all'ingresso proprio della Costa Smeralda, noto oggi perchè ,ogni estate vi organizzano un festival di danza classica nello scenario della piazza del paese,anch'essa pavimentata e circondata da tutte case basse in granito. Festival al quale partecipano grandi étoiles del balletto a livello internazionale.
Quella zona fino a giungere a Porto Cervo, sulla stra da panoramica, è ricca di stazzi perchè appunto lì, in prossimità del mare, vivevano i pastori. Alcuni poveri possedevano solo capre.
Quando arrivò Karim e comprò per qualche centinaio di milioni di lire di allora queste terre, alla gente del posto non sembrò vero avere tanto denaro mai visto. Alcuni(molti erano totalmente analfabeti)seppero investire, acquistando palazzi in Olbia, altri persero tutto perchè si diedero sconsideratamente alla bella vita.
Io sono arrivata qui nel 1971(ottobre) e l'Agha Kan aveva iniziato la trasformazione intorno credo al 1965.
Io terminavo il liceo a Palermo nel 1967 ed ho nel mio diario delle foto splendide di Cala di Volpe.
Quando si dice il destino....
Mai avrei immaginato di venire a stare a pochi chilometri di distanza.
C'era da fare ancora da fare l'università a Napoli e non esisteva per me minimamente il mio attuale marito.
Ora invece mi ritrovo con il nipotino olbiese!!
Un abbraccio affettuoso. E' sempre bello dialogare con te.
Marianna

dragor

L'architettura senza architetti è sempre la migliore. La abitazioni costruite con materiali locali dalla gente del posto riflettono mirabilmente la tradizione e il clima di un luogo. Anche da noi le vecchie case di campagna con spessi muri di pietra, i mas e le bastides, d'estate sono meravigliosamente fresche senza bisogno della clim.
Come isola, la Sardegna ha saputo conservare le sue tradizioni meglio delle regioni continentali. E in pochi chilometri si vedono luoghi e tradizioni molto diversi, come se l'isola fosse un continente a scala ridotta, una piccola Europa con paesaggi nordici e mediterranei. Il suo fascino dipende anche da questo

Buona serata Marianna, a presto

dragor (journal intime)

marianna

Carissimo Alex, non so se tu conosci la Sardegna ma meriterebbe tu venissi a farci un giro.
Come dice Dragor ci sono ambienti di versissimi da nord a sud. E mi riferisco sopratutto al paesaggio molto vario.
Oggi, per esempio, ho appreso che nella zona del golfo di Oristano è stata scoperta, archeologicamente parlando, una città portuale del 1000aC. che aveva il nome di Neapolis.Lì, siamo sull'altro versante dell'isola rispetto ad Olbia,arrivavano e partivano navi cariche di cereali e minerali. Nelle vicinanze c'erano e ci sono infatti delle zone minerarie. Quanto ai cereali la Sardegna con la Sicilia, si sa, era il granaio di Roma.
Un abbraccio e felice serata. Marianna

marianna

Carissimo Dragor in uno dei tuoi prossimi post sull'architettura devi parlare dei mas e delle bastides.
Sono molto curiosa di verificare somiglianze e diversità.
Grazie per il bellissimo commento. Un abbraccio e buon proseguimento di serata.
Marianna

Osman X Dragor

De la discussion...

Leggendo ciò che hai scritto sull'architettura senza architetti ecc...mi sono detto:"Dragor dovrebbe conoscere Hassan fathy".

E'uno dei pochi che concepiscono l'architettura come l'avete descritta tu e Marianna per i stazzi galluresi.

Principi di Hassan Fathy:
1. Assoluta priorità dei valori umani
2. Assoluta importanza di approcci integrali, non parziali
3. Uso di tecnologie appropriate
4. Uso di tecniche costruttive che consentono la cooperazione degli utilizzatori
5. Ruolo essenziale della tradizione
6. Risveglio dell’orgoglio per la cultura nazionale tramite l’architettura

Segue qui:http://www.assa-cee.org/asArch_Fathy.htm

Serena notte a Marianna!
Osman
PS:un altro esempio
http://gobettiano1.blog.lastampa.it/gobettiano/2008/04/castellieri.html

mauri_58

è quasi domenica,finalmente l'ora si avvicina,si parte!!
dopo 8 anni si torna in sardegna,a cagliari,al poetto,ci aspettano i parenti.è vero la sardegna è quasi un mondo a sè abbandonato li in mezzo al mare,ci sono posti stupendi che non meritano di essere lottizzati dal ricco di turno.ma soprattutto c'è la gente,cordiale e orgogliosa,allegra ma arrabbiata,disponibile ma esigente,persone vere.
buone vacanze.

Verifica il tuo commento

Anteprima del tuo commento

Questa è solo un'anteprima. Il tuo commento non è stato ancora pubblicato.

In elaborazione...
Il tuo commento non può essere pubblicato. Errore di scrittura:
Il tuo commento è stato pubblicato. Pubblica un altro commento

I numeri e le lettere che hai inserito non corrispondono a quelle dell'immagine. Prova di nuovo.

Come ultima cosa, prima di pubblicare il tuo commento, inserisci le lettere ed i numeri che vedi nell'immagine qui sotto. Questo impedisce che programmi automatici possano pubblicare dei commenti.

Fai fatica a leggere quest'immagine? Visualizzane un'altra.

In elaborazione...

Scrivi un commento

Le tue informazioni

(Il nome e l'indirizzo email sono richiesti. L'indirizzo email non verrá visualizzato con il commento.)