La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 10/2007

contatore

  • contatore

Paperblog

« INVITO ALLA TOLLERANZA / GENOVA/ COMPAGNIA SUQ | Principale | SABA ANGLANA /DONNA DALLE TANTE IDENTITA'/ UNA CHE CE L'HA FATTA »

26/04/08

Commenti

luigi

Ancora un tema durissimo! Non per puritanismo bigotto, ma credo che chi cercasse sesso mercanario, frebbe bene anche a se stesso se evitasse di esser cliente di quelle poverette che sono sulla strada: sono tutte schiave. Capisco di essere semplicistico e magari ingenuo sperando che chi è istituzionalmente preposto in qualunque ruolo, facesse l'impossibile per aiutare le vittime e punire duramente gli aguzzini.
Buona giornata Marianna
luigi

Antonio Cracas

Cara Marianna,
Dorothy è encomiabile. Purtroppo però vanno sradicate certe organizzazioni criminali: la buona volontà non è sempre sufficiente.

Ciao
Antonio

marianna

Caro Luigi è una cosa molto triste, visibile ormai in ogni angolo d'Italia. A tutte le ore del giorno e della notte. Indifferentemente.
Ma la gente è cattiva e non si preoccupa certo del fatto che quelle ragazze sono in stato di schiavitù.
Soddisfatta la propria instintualità, altro non conta.
Buona giornata! A presto.
Marianna.

marianna

E' chiaro, caro Antonio, che il fenomeno va risolto alla radice.Le autorità preposte devono impegnarsi in tal senso.E ritengo che nel nostro Paese lo stiano facendo.
Un intervento come quello di Dorothy segnala, aiuta qualcuna.Sempre meglio di fare niente e girare lo sguardo da un'altra parte.
Buona giornata! Un abbraccio.
Marianna.

Fino

Per tante che ce la fanno (spero che presto siano tantissime) a uscire dal carecere della prostituzione,tante ci restano perché sole, senza aiuto, ricattate.
L'anno scorso una prostituta nigeriana fu assassinata qui a Vicenza e il suo corpo lasciato ai bordi della statale. Piange il cuore davatni a queste storie.
Un caro saluto
Fino

Teseag

Cara Marianna,
la prostituzione è attiva anche in Africa, questa a volte è solo un'estensione.
Non ti dico poi cosa succede quando le fanciulle laggiù vedono un bianco! Forse pensano che finalmente si mangia, fatto sta che gli si avvinghiano come sanguisughe. Per la felicità degli avvinghiati.
Ciao
Tesea

marianna

Sicuramente, caro Fino,attualmente sono più quelle che restano intrappolate che quelle che riescono ad uscire dal giro.
A proposito di morti violente sarebbe interessante avere le statistiche. Perchè quello che tu dici della ragazza trovata morta a Vicenza non è un caso isolato.
Anche in Sardegna,più di una volta, ci sono stati delitti efferati.A volte poi, cosa ancora più assurda, i motivi erano e sono anche piuttosto banali.
Che tristezza!
Buona notte, Marianna.

marianna

Carissima Tesea, quello che dici è vero perchè la prostituzione, lo sappiamo, è il mestiere più antico del mondo e non conosce latitudini.
Però anche in Africa come altrove ci sono ragazze che vorrebbero un avvenire diverso e migliore e si fidano di chi glielo fa intravedere con false promesse. Nel bisogno non è difficile credere che un miracolo sia possibile.
Ti segnalo il lavoro svolto dalle religiose italiane, appartenenti all'USMI(Unione superiore maggiori d'Italia), che raccoglie 627 congregazioni femminili tra Italia ed estero, con 83mila membri.
Nel 2000 fu creato a Torino un apposito ufficio per far fronte alla tratta di donne e minori.Le donne in particolare erano albanesi e nigeriane.
La religiosa che ha ingaggiato questa sua battaglia dal '93 si chiama Eugenia Bonetti.
Ti dico questo perchè, conoscendo la tua formazione ed i tuoi valori, possa approfondire la cosa, se ti interessa,per andare un po' oltre i soliti luoghi comuni.
E poi ancora ti indico un libro:"Le ragazze di Benin City.La tratta delle nuove schiave dalla Nigeria ai marciapiedi d'Italia"/ ed.Melampo,2007.
Buona notte ed un abbraccio affettuoso.
Marianna.

Verifica il tuo commento

Anteprima del tuo commento

Questa è solo un'anteprima. Il tuo commento non è stato ancora pubblicato.

In elaborazione...
Il tuo commento non può essere pubblicato. Errore di scrittura:
Il tuo commento è stato pubblicato. Pubblica un altro commento

I numeri e le lettere che hai inserito non corrispondono a quelle dell'immagine. Prova di nuovo.

Come ultima cosa, prima di pubblicare il tuo commento, inserisci le lettere ed i numeri che vedi nell'immagine qui sotto. Questo impedisce che programmi automatici possano pubblicare dei commenti.

Fai fatica a leggere quest'immagine? Visualizzane un'altra.

In elaborazione...

Scrivi un commento

Le tue informazioni

(Il nome e l'indirizzo email sono richiesti. L'indirizzo email non verrá visualizzato con il commento.)